mercoledì 6 marzo 2013

La rivoluzione incompiuta


Che il m5s abbia portato una modifica radicale nel costume politico è presto per dirlo. Le premesse ci sono ma “rigore c’è quando arbitro fischia” diceva un grande allenatore di calcio. La riunione per conoscersi, serrare le fila, uscire con post su fb tutti uguali, non sono, secondo me, tanto un segno di nondemocrazia nel movimento quanto un segno di paura. E lo sanno bene. Lo stesso Grillo sostiene che occorra “restare uniti altrimenti vi mangiano”. Le prime avvisaglie sono già arrivate.

Ma una cosa credo che sia già chiara. L’attuale pd sta correndo ai ripari, truccandosi per apparire piu interessante, indossando abiti inusuali per dimostrarsi al passo con i tempi. Ed allora il partito dei pensionati parlanti (d’alema e veltroni) decide di proporre la diretta streaming del proprio consiglio. È un effetto Grillo. Piacerà alla gente?  Chi lo sa, la prima cosa che mi viene da pensare è che fino a venti giorni fa non sapevano la differenza tra un televisore e un computer ed ora sono orientati al futuro remoto connessi col mondo.
Nel pdl naturalmente neppure questo, solo i soliti slogan inutili. Pensare a qualcosa di serio è pura follia. Ma restano coerenti con loro stessi.

Temo però che la vittoria del m5s sia come il primo mese di dieta. I chili superflui vanno giu in fretta, poi ci vuole il mantenimento. I chili stratificati sono i piu difficili e insidiosi. Se non si attaccano quelli, si torna indietro come prima. Peggio di prima.

Ed allora, se la dieta deve funzionare e trasformare questa italia obesa in una italia bella dentro e fuori (come è nella realtà) è necessario che ci siano formazioni nuove, che usino la stessa lingua di m5s ma con visioni diverse, complementari, e siano disposte a parlare dei contenuti. È arrivato il momento di non vedere piu file di parlamentari peones disposti a giurare sulla testa dei propri figli le sciocchezze legate a ruby rubacuori (tutti convinti che fosse la nipote di Moubarak… lo ha detto il capo). Lega compresa naturalmente sacrificando la verità con la disciplina di partito.

Per far questo è necessaria una proposta alternativa che sia in sintonia con quello che ormai pensiamo tutti. Non ci sono molte alternative. A sinistra è solo Renzi che può permettersi di creare tutto questo (magari con Civati per l’organizzazione interna del partito), a destra… mah, per fortuna non è cosa che mi riguardi direttamente anche se il più grillocompatibile come idee e proposte (non certo come modo di fare) è Giannino. Tre anime che parlino una lingua nuova. Ognuno con una propria visione non tanto degli obiettivi quanto dei modi per ottenerli.

Siamo forse neppure a metà del guado, e secondo me, solo così la rivoluzione sarà compiuta. 

1 commento:

  1. Temo però che la vittoria del m5s sia come il primo mese di dieta. I chili superflui vanno giu in fretta, poi ci vuole il mantenimento. I chili stratificati sono i piu difficili e insidiosi. Se non si attaccano quelli, si torna indietro come prima. Peggio di prima.

    RispondiElimina

Informazioni personali

La mia foto

Informatico dal 1984, ho affrontato un po' tutti i settori. Ultimamente gestione progetti e analisi software. Da qualche anno mi occupo anche di turismo. Nel tempo perso ... scrivo :)